Donazione del Maestro Mario Iafrate

mario_mastroianni430

Il maestro Mario Iafrate, nato ad Arpino, nel 2006 ha donato alla sua città natale tutta la sua bottega di falegname, che ora si trova in esposizione presso la chiesa sconsacrata di San Domenico.
Nel 2009 il maestro ha donato al Comune di Arpino una serie di sue opere scolpite in legno di ulivo, che arricchiscono ulteriormente la donazione precedente.

Il Libro di Pietra

Giuseppe Bonaviri “"Il Bianchissimo Vento" E’ una singolare iniziativa che coniuga il fascino antico e a tratti aspro di questo centro con le suggestioni della poesia contemporanea. Si tratta della riproduzione su pietra di poesie (in lingua originale e relativa traduzione italiana) che famosi poeti contemporanei, ospiti della città, hanno dedicato ad Arpino. L'’iniziativa è coordinata dallo scrittore Giuseppe Bonaviri.

Le “pagine” del Libro sono collocate nei quattro quartieri in cui si divide il centro storico: all’esterno della Porta di Saturno (quartiere Colle),  è riprodotta la poesia di Giuseppe Bonaviri “"Il Bianchissimo Vento"”; sulla via Vittoria Colonna, presso la chiesa di S. Antonio (quartiere Ponte), si possono leggere “"Pietre"” dello svedese Lars Forssell e “"Scritto nella pietra di Kjell Espmark; in via Caio Mario in prossimità del Castello di Ladislao (quartiere Civita Falconara) è riprodotta “"A volo d'’uccello"” del russo Valentin Berestov; in via M. Tullio Tirone (quartiere Arco) si trova “"Applauso per Arpino"” di Pedro J. De la Peña, e al Ponte "Lungo “Spirito dell’' Acqua”" della tunisina “Fadhila Chabbi.

Libro di PietraEd ancora, "“La musica dell’'Arpa”" di Lei Shuyan (Cina, 1997/98) presso la chiesa del Suffragio a Panaccio; “"Ascolta la Ciociaria"” omaggio a Libero De Libero” (1988) presso Pontelungo sulla provinciale Tulliana; “"L'’aquila tranquilla"” di Wladimir Mikes (Rep. Ceca, 2000) in Salita dell’'Arco; “"A Saturno conditum”" di Sandy Hutchinson (Gran Bretagna-Scozia, 2001) in piazza Gioacchino Conti; “"Il sogno” di Silvia Baron Supervielle" (Francia, 2002); “"L’usignolo di maggio”" di Ursula Koziol (Polonia, 2003) in via Civita Falconara;

"Il grande libro di Arpino"” di Dante Marianacci (Italia, 2004) presso Collecarino; "I capelli di Arianna”" di Ioan Flora (Romania, 2005) in via Vittoria Colonna; “"Dio dell’'Alleanza"” di Papa Giovanni Paolo II (2005) presso l’'Acropoli di Civitavecchia; “"Bar Fabbrizio"” di Matthias Politycki (Germania, 2006) in piazza Municipio.

 

 


Il Museo della Liuteria

Informazioni Utili Sede: Piazza Municipio - Arpino (Fr)
Orario di visita: Aperto solo su prenotazione
Info Pro Loco Arpino:  Tel. 0776.848535  - 329.7770903


Museo della Liuteria L'arte della liuteria ha goduto ad Arpino di una tradizione affermata e gloriosa. Merito della bottega del Maestro Luigi Embergher, valentissimo costruttore di strumenti musicali a corda attivo in città durante la seconda metà dell' Ottocento, e del suo allievo e continuatore Domenico Cerrone, che subentrò all' Embergher nel 1938 alla guida dell' attività.

Il laboratorio, che Embergher fondò nel 1880, si trovava in vicolo Morelli, una traversa di via Pio Spaccamela, verso il quartiere Colle, ed è stato attivo fino agli anni Cinquanta.


La bottega Embergher-Cerrone, che contava ben quindici dipendenti, era specializzata nella realizzazione di mandolini di tipo "romano" ed arrivò a produrre circa cento strumenti al mese: un' abilità nella quale i due Maestri liutai rasentarono la perfezione, producendo strumenti dalle qualità armoniche ed estetiche elevatissime. 

Violini   chitarre  mandolini ed altri strumenti a corda usciti dalla bottega arpinate vennero a lungo esportati in tutto il mondo, e furono celebri per le loro caratteristiche, guadagnando ad Embergher e a Cerrone prestigiosi riconoscimenti internazionali.

Museo della Liuteria Oggi, a testimonianza di questa antica e nobile arte, è sorto il Museo della Liuteria, che raccoglie ed espone i prodotti finiti e le fasi di lavorazione seguite nella storica bottega Embergher-Cerrone.

Si possono osservare gli strumenti musicali nei diversi momenti di realizzazione, i macchinari e le attrezzature impiegate, alcune delle quali costituiscono dei veri e propri pezzi unici.

 

Completano l' esposizione progetti, documentazione sull' attività della bottega e attestati di merito conferiti ai due Maestri liutai.

Il Sistema Museale ospita inoltre l' esposizione permanente della pittrice Vincenzina Lamarra e dell' artigiano Mario Iafrate.

Sede/Seat: Piazza Municipio
Orario di visita/Visit hours: Aperto solo su prenotazione - Info Pro Loco Arpino:  Tel. 0776.848535  - 329.7770903

Il Museo dell'Archeologia Industriale della Lana

Informazioni Utili Sede: Arpino (Fr) - Ex chiesa di S. Domenico - Via dell'Aquila Romana
Orario di visita: Aperto solo su prenotazione
Info Pro Loco Arpino:  Tel. 0776.848535  - 329.7770903


Museo della Archeologia Industriale delle Lana Fin dall'epoca romana, Arpino si  distinse come centro laniero di grande importanza. Diffusissima era la produzione artigianale, organizzata all'interno delle famiglie che ospitavano telai ed arcolai tra le mura domestiche.

Ma è a partire dal Settecento che questa attività assunse carattere industriale, proiettando la città tra i principali centri di produzione di tessuti in lana a livello italiano ed europeo.

Al principio del XVIII secolo, infatti, l'arrivo in Arpino del tecnico francese Baduel, invitato dall'imprenditore laniero Filippo Quadrini, insieme ad altre maestranze esperte provenienti dall'Olanda e dall'Inghilterra, pose le basi per la creazione dei primi lanifici operanti su vasta scala.

L'importazione di tecnologie e conoscenze dai Paesi europei leader nella produzione laniera, unitamente ad una salda tradizione nel settore, formarono il trampolino di lancio per un'industria che, in breve tempo, vide prosperare numerosissimi lanifici, e raggiungere ottimi standard di produzione, al punto che, nel  1744 Carlo III di Borbone ritenne opportuno visitare personalmente le fabbriche arpinati, con il conferimento ad alcune di esse del titolo di "regio lanificio".

Museo dell'Archeologia Industriale della LanaLa produzione era organizzata sul lavoro autonomo di tipo artigianale ma, soprattutto, sul lavoro dipendente, svolto a domicilio per conto di mercanti-imprenditori, secondo lo schema più tipico dell' industrializzazione europea.  Nel 1850, prosperavano in città ben trentadue lanifici, e dei 15.000 abitanti della città oltre la metà trovava occupazione nell' industria laniera. I prodotti arpinati venivano esportati ovunque, ricevendo attestati di merito e riconoscimenti per l' alta qualità. Il sistema produttivo arpinate venne sostenuto dalla politica protezionistica attuata durante il periodo francese e poi dal Regno delle Due Sicilie.


 Museo della LanaL'unificazione italiana, il mutamento della politica economica  del nuovo Stato unitario, con la fine della protezione doganale, insieme allo spostamento dell' asse degli interessi economici nazionali verso il Nord segnarono il tramonto dell'industria arpinate. I primi del Novecento videro la chiusura di molti lanifici, gli ultimi dei quali cessarono la produzione nel Secondo Dopoguerra.

Il Museo dell'Arte della Lana costituisce una testimonianza preziosa di questa vicenda industriale,  parte fondamentale della storia e dello sviluppo cittadini. Esso conserva ed espone le attrezzature d'epoca provenienti dall'antico lanificio Diodati, e ricostruisce in un percorso storicamente documentato le fasi della produzione.

I macchinari esposti sono: uno sfioccatore, tre cardatrici, una ritorcitrice, un orditoio, quattro telai. Insieme ad essi, sono conservate le polveri originali per la tintura dei tessuti: un'arte, questa, molto importante per Arpino dove, durante gli anni d'oro dell'industria laniera, venne addirittura istituita una scuola per l''nsegnamento delle tecniche di tintura.

Un'accurata documentazione storica ed iconografica, curata da esperti nel settore, completa la dotazione del museo.

Tra i progetti si annovera anche un Museo dell'Arte Tipografica, un'attività particolarmente sviluppata in Arpino nel corso dell'Ottocento.  



Sede/Seat: ex chiesa di S. Domenico -Via dell'Aquila Romana -
Orario di visita/Visit hours: Aperto solo su prenotazione - Info Pro Loco Arpino:  Tel. 0776.848535  - 329.7770903

 


La Fondazione Mastroianni

Informazioni Utili Sede: Fondazione Mastroianni-Castello Ladislao  Piazza Caduti dell'Aria s.n.c  - Arpino (Fr)
Orario di visitaMar-Mer-Gio-Ven : 9.30 1-12.30 - Sab: 9.30-12.30  16-18  Dom: 16-18
Info: Tel. : 0776.848105 - E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


La Fondazione Mastroianni Il Museo "Umberto Mastroianni" o mostra permanente della Donazione Umberto Mastroianni esiste a partire dal 24 Aprile 1993 e costituisce una delle istituzioni culturali più importanti della città, viva testimonianza dell'operato di uno dei più grandi scultori del Novecento, che volle onorare Arpino con la sua opera.

La Fondazione, infatti, raccoglie ed espone al pubblico in una Mostra permanente oltre cento opere tra sculture, disegni, bassorilievi, arazzi, cartoni, bozzetti scenografici realizzati dal grande artista contemporaneo Umberto Mastroianni. Qui è conservato anche l'archivio personale del Maestro.

La Fondazione è ospitata in via provvisoria nelle sale di Palazzo Boncompagni e di Palazzo Spaccamela, in attesa dell'allestimento della sede definitiva presso il Castello di Ladislao.

Sono esposte al pubblico  le sculture, gli arazzi, i legni ed i cartoni realizzati da Mastroianni e donati dal Maestro al centro a lui intitolato, oltre al materiale fotografico e documentario concernente l'attività artistica di Umberto Mastroianni e della Fondazione.

 Fondazione MastroianniOltre alla mostra permanente della Donazione Mastroianni, è possibile visitare la sezione "I Mastroianni" dedicata a Domenico e Alberto Mastroianni, Marcello, Ruggero, Federica, Barbara e Chiara Mastroianni ed ai Mastroianni Ceramisti, che consentiranno di tutelare l' immagine storica di promuovere il valore storico-artistico dell' intera famiglia.

Questa prestigiosa istituzione culturale promuove inoltre, periodicamente, mostre ed esposizioni dedicate ad artisti contemporanei.

Come un museo all'aperto, alcune sue sculture possono essere ammirate in vari punti della Città.

 

• Sede/Seats: Palazzo Boncompagni
  Piazza Municipio, 33 - Tel. 0776.852123 Comune di Arpino - Ufficio Cultura
  Attualmente la Fondazione è chiusa